Emilia Romagna - Friuli 94 - 30
 
TABELLINI:
 
EMILIA: Branchini L., Campani 4, Micco 9, Squarcia 17, Ruina 11, Piccinini 15, Flan 13, Fussi 5, Branchini N.7, Fabiani 6, Lambertini 5, Rossi 2.
 
FRIULI: Bosa 2, Cogoi 10, Devetta, Bertuzzi, Marcassa 5, Erman, Zanelli 4, Bremec, Brancati 8, Del Col, Venturini 1, Pieri.
 
25-11, 49-21, 66-27, 94-30
 
Ci aspettavamo una reazione dell'Emilia e c'è stata. Una squadra, quella di stamani, completamente diversa a livello mentale rispetto a quella scesa in campo ieri contro l'armata marchigiana. Aggressività e voglia di vincere hanno fatto da padrone e le hanno permesso di indirizzare fin da subito la gara, su binari conosciuti e voluti. Troppo debole la resistenza del Friuli, che forse nemmeno si aspettava tanto agonismo. Primo quarto da subito in controllo per i ragazzi di coach Zanardi, ma continuamente incitati da tutti i membri dello staff tecnico, che chiudono all'intervallo lungo sul 45 a 21. Resto della gara in controllo totale per gli emiliani, che finiscono con un netto a 94 a 30.

Toscana - Umbria 84 - 40

TABELLINI:

TOSCANA: Cecchi 6, Saladini 14, Flurio 7, Berti 8, Santoni 3, Sereni 2, Vannini 8, Pierangelini 4, Torrigiani 6, Tintori 11, Guerrieri 8, Susini 4.

UMBRIA: Curti, Minieri 3, Rossi, Cappelletti 9, Ginepri, Cenerini 2, Taccucci 9, Giometti 2, Depretis 8, Lucarini 4, Fedeli, Giancabilla 3.

 

25 - 5, 49 - 19, 67 - 32, 84 - 40

Toscana che vince e convince in questa Ludeccup 2015, Umbria che non ripete la buona prova della prima gara. I toscani partono forte ed aggressivi, lasciando poco spazio alle iniziative dell'Umbria. "I miei stamani sono rimasti in albergo." Aveva dichiarato Coach Martina, mai parole furono più veritiere. Il quarto si chiude su un netto 25 a 5 per i Toscani. Secondo quarto fotocopia del primo con una Toscana indemoniata, guidata dal suo #7, Saladini, che crea gioco ed esalta il pubblico con un paio di numeri di alta giocolieria, gli umbri da parte loro ci provano ma con poca convinzione. All'intervallo lungo si arriva sul 49 a 19 per i Toscani. L'ultime due frazioni vedono proseguire il leitmotiv della prima, con la Toscana che corre e crea e l'Umbria che non riesce ad esprimere buon gioco. Alla fine il risultato sarà di 84 a 40, che lascia poco margine di pensiero sulle differenze tra le due squadre.

LAZIO - LIGURIA 66 - 49

Tabellini:

LAZIO: NIZZA 7, GIANNI 3, BALLIN 8, ANTONIANI 2, LUZZI 10, BISCHETTI 6, ALVITI 0, LAFFITTE 10, QUARTA 10, FERRARI 2, OKEREKE 8, FRUSCOLONI.

LIGURIA : BISSO, BOGLIARDI 17, BORSELLI 5, CALLO 4, CHIAVACCINI 7, CROVO, DOCCINI, FASSIO, PENE 14, ROCCHI 2, UNGUREANU.

22-18, 36-24, 48-43, 66-49

Prima gara di giornata al PalaCavanis di Porcari dove si affrontano la delegazione regionale del Lazio e quella della Liguria.

Inizio partita equilibrato per entrambe le squadre che dimostrano di essere di pari livello. Il primo quarto si chiude infatti su un punteggio di 22 a 18. Le due formazioni continuano ad affrontarsi con attacchi serrati da entrambe le parti e inizialmente faticano a mettere a segno canestri preziosi, ma è il Lazio a portarsi avanti alla fine del secondo quarto col punteggio di 36 - 24. Nel terzo quarto la squadra ligure si fa più pressante, trova i canestri e recupera terreno fino ad un timido sorpasso. La squadra laziale sembra un po' subire la pressione avversaria, ma tiene duro, non molla, reagisce e nel finale di questo quarto conquista punti. I ragazzi di coach Gilardi sembrano aver ritrovato fiducia: attaccano e segnano riuscendo a chiudere il contropiede avversaio, allungano le distanze e vincono portando a casa il risultato di 66 a 49. Top score della partita il giocatore della Liguria, Bogliardi, per lui 17 punti. Da segnalare anche la doppia-doppia di Penè (14 punti e 17 rimbalzi).